Lo sport in lutto: è morto il comasco Filippo Mondelli, aveva 27 anni

144

Il comasco Filippo Mondelli, campione del mondo di canottaggio nel 2018 nel quattro di coppia. Mondelli aveva un osteosarcoma alla gamba sinistra. L’atleta, lombardo, avrebbe compiuto 27 anni il prossimo 18 giugno. Filippo Mondelli ha partecipato a 9 campionato mondiali conquistando 5 medaglie (2 ori, 1 argento, 2 bronzi). Quattro le volte che è salito sul podio ai campionati europei (2 ori e 2 argenti), a questi si aggiungono le 13 medaglie vinte in altre gare internazionali e le altre 15  grazie alle vittorie nei campionati italiani.”Dolore e tristezza”, sono i sentimenti che esprime il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, per la prematura scomparsa del giovane atleta di Cernobbio.  “Nel manifestare il cordoglio e la vicinanza dell’intera Giunta regionale – conclude il governatore – ci stringiamo ai familiari e ai cari di Filippo. Porteremo nel cuore il suo ricordo e le sue imprese sportive”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteRiaperture, Sala: Milano sta reagendo con compostezza
Articolo successivoCovid, Lombardia: continuano a diminuire i ricoverati, i positivi sono 2.304 (4,4%)
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati