“Classi pollaio, docenti precari, Dad e nessun aiuto: abbiamo deciso di occupare perché le scuole hanno troppi problemi e il Covid-19 li ha enfatizzati. Non chiediamo a tutti i costi di rientrare in aula ma vogliamo che si inizi a parlare veramente di scuola e di riforme”. Lo ha spiegato, Arianna C. studentessa del liceo classico Carducci. Una trentina di ragazzi questa mattina è entrata all’interno del cortile e lo ha occupato continuando a svolgere le lezioni in didattica a distanza. “Per il pranzo ci eravamo già organizzati portandoci il cibo da casa” ha sottolineato Arianna. I ragazzi hanno chiarito: “Non vogliamo fermarci a dormire perché comprendiamo la situazione pandemica. Non si scherza sulla salute” hanno detto in coro. Tra gli studenti, Marta, spiega: “Siamo in cinque in casa, convivere 24 ore su 24 è difficilissimo, tutti abbiamo le nostre esigenze, la rete internet è una ed è sempre sovraccaricata. Per le verifiche incrocio le dita e spero che la connessione non cada”. (MiaNews)

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.