Arrestati rapinatori di orologi di valore, i due operavano in trasferta

129

Gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato ieri a Napoli due rapinatori di 42 e 32 anni ritenuti responsabili di un furto con strappo avvenuto lo scorso settembre in viale Sarca dove, all’altezza di viale Rodi, il proprietario di una Ferrari 488 venne derubato del suo orologio Richard Mille serie limitata del valore di 200mila euro dalla coppia di ladri che in scooter lo avvicinarono con la ‘tecnica dello specchietto’. Le telecamere della zona ripresero l’evento ma senza offrire particolari indizi per giungere al riconoscimento dei malviventi: solo un’attenta analisi dei pernottamenti e della presenza a Milano di persone con precedenti specifici ha permesso di ricostruire gli spostamenti della batteria di rapinatori che si muovevano tra Milano e Reggio Emilia. Gli investigatori sospettano che la vittima potesse essere preso nuovamente presa di mira dagli stessi ladri che son stati ripresi, a distanza di alcuni mesi, mentre si aggiravano intorno alla sua autovettura di grossa cilindrata, forse per pianificare un nuovo furto ai suoi danni.

Commenti FB
Articolo precedenteComunali, Crolla: “Disponibile a candidarmi a Milano per il centrodestra”
Articolo successivoOndata di freddo in arrivo
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.