Frana sul lago d’Iseo, rischio “onda anomala”

La frana che si è verificata nella zona di Tavernola Bergamasca rischia di causare una vera e propria onda anomala nel caso si riversasse nel lago.

138

La frana che si è verificata nella zona di Tavernola Bergamasca, sul lago d’Iseo,  rischia di causare – nel caso si riversasse nel lago – una vera e propria onda anomala. E’ una frana da 2 milioni di metri cubi che si muove fra i 5 millimetri e i due centimetri al giorno. “Obiettivo oggi è mettere in sicurezza la popolazione” ha assicurato l’assessore alla protezione civile della Regione Pietro Foroni che ieri ha effettuato un sopralluogo. Ora si attendono i due studi dei due geologi incaricati e “solo dopo ulteriori valutazioni decideremo come intervenire, abbiamo assicurato da subito massima disponibilità agli amministratori locali, a tutela di tutti i residenti”. “E’ da giorni che stiamo monitorando in maniera attenta tutta la situazione – ha aggiunto -. Ho voluto che su questa vicenda fosse coinvolta la Protezione civile nazionale. Sabato c’è stato un sopralluogo in elicottero con i tecnici del mio assessorato e gli esperti del dipartimento nazionale per fare il punto. In attesa dei risultati dello studio, è nostro compito mettere in sicurezza la popolazione, se la situazione dovesse aggravarsi”. Per ora “non ci sono elementi specifici a riguardo, ma se dovesse verificarsi l’ipotesi peggiore – ha chiarito Foroni – dovremo mettere in sicurezza tempestivamente la popolazione. Le case più a ridosso e il cementificio sono stati evacuati. Il comune di Monte Isola ha evacuato una parte della popolazione in una frazione che poteva essere a rischio nel caso di uno tsunami. Sulla frana è posizionato un radar, nei prossimi giorni potremo fare una valutazione sul rischio allarme”

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.