Il Questore di Milano ha emesso 46 provvedimenti di prevenzione nei confronti di 40 persone, perlopiù provenienti dalle province confinanti, che, abitualmente,
frequentavano la stazione ferroviaria di San Donato Milanese (Mi) per procurarsi e consumare sostanze stupefacenti. L’attività è il risultato della sinergia operativa tra i poliziotti della Divisione Anticrimine della Questura milanese e i Carabinieri della Stazione di San Donato che hanno svolto nello scalo ferroviario mirati servizi segnalando i soggetti
con precedenti penali e di polizia.  Sono 46 i provvedimenti di prevenzione: 40 fogli di via obbligatori e 6 avvisi orali nei confronti di 26 cittadini italiani e 14 stranieri, tutti con precedenti penali o di polizia per reati contro il patrimonio e stupefacenti, identificati mentre assumevano sostanze stupefacenti all’interno della stazione ferroviaria.
Al momento della notifica del foglio di via obbligatorio, i destinatari verranno rimpatriati presso i comuni di residenza e sarà fatto loro divieto di rientrare nel
comune di San Donato Milanese (MI) per un periodo che varia da uno a tre anni.
Ai soggetti colpiti dall’avviso orale, inoltre, verrà intimato di tenere una condotta di vita conforme alla legge, pena più gravi conseguenze.

Commenti FB
Articolo precedenteSala, “Non capisco la difesa a oltranza della Regione”
Articolo successivoRuby Ter, Berlusconi salta l’udienza, serve riposo assoluto
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.