Tampone sospeso di Natale, appello alle istituzioni e alla sanità privata

La Brigata Sanitaria Soccorso Rosso, Adl Cobas e Medicina Solidale, promotori del “tampone sospeso in piazza Baiamonti a Milano, chiedono a sindaco, consiglieri comunali e regionali di fare i volontari a Natale e di ascoltare le loro proposte. La principale: una giornata di tamponi gratis per tutti in collaborazione con la sanità privata che li fa pagare fino a 100 euro.

136

A una settimana dall’inaugurazione del servizio, la Brigata Sanitaria Soccorso Rosso, ADL Cobas e Medicina solidale hanno triplicato le risorse: aumenta il numero dei volontari e sono 300 i tamponi sospesi e gratuiti disponibili al tendone di Piazzale Baiamonti a Milano anche domani, domenica 20 dicembre (h.16.00 – 20.00). La scorsa settimana sono stati garantiti 100 tamponi. La solidarietà ricevuta ha permesso ai volontari di acquistare altri 300 tamponi. “Un miracolo davvero – affermano i promotori dell’iniziativa in una nota –  perché a Milano un tampone antigienico viene venduto – nel circuito della sanità privata – mediamente a 45/50 euro e non è invece garantito gratuitamente a tutti come sancito dall’artcolo 32 della Costtuzione. Un miracolo perché anche gli ultmi, gli indigenti e gli esclusi potranno monitorarsi e accedere gratuitamente al tampone, strumento fondamentale non solo per il controllo della condizione sanitaria individuale, ma anche per il tracciamento e la salvaguardia della salute pubblica”.

La Brigata sanitaria “Soccorso Rosso”, ADL Cobas e Medicina solidale lanciano una sfda solidale alle Istituzioni, alla sanità privata e alla stampa: “il tampone di Natale”. Chiedono al Sindaco di Milano Giuseppe Sala, ai Consiglieri comunali e ai Consiglieri regionali di presentarsi in Piazzale Baiamonti venerdì 25 dicembre dalle 10.00 alle 14.00 come volontari, per aiutare nello screening e per ricevere e discutere con noi alcune proposte operative come il costo calmierato dei tamponi, la sburocratzzazione totale delle procedure (es. occupazione suolo pubblico, servizi di tracciamento, ecc.), e l’istituzione del modello di unità mobili di tracciamento. “Chiediamo che la giornata di domenica 3 gennaio – si legge ancora –  diventi la giornata del tamponi gratis per tutti, in tutta la Lombardia e possibilmente in tutta Italia. Gli ambulatori privati che aderiranno si impegnano ad offrire i tamponi antigienici e i tamponi molecolari in numero pari a quelli venduti in una giornata di tamponi a pagamento, per fare la giornata nazionale del tampone gratuito”. “In questo modo, gli ambulatori privati si impegnano a restituire una piccola parte dei profitti generati  dalla vendita di tamponi antigienici a 50 euro e tamponi molecolari a 100 euro, meno dell’1% dei profitti. Si può fare. Daranno così almeno un segnale di solidarietà in un periodo di grave emergenza Covid”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.