Decine di persone in attesa davanti al tendone della Protezione civile allestito in piazza Duomo davanti a Palazzo Reale per le vaccinazioni antinfluenzali. Soprattutto persone anziane che si sono presentate questa mattina dopo aver letto che, a tutti gli over 65, sarebbe stato fatto il vaccino antinfluenzale, ma senza sapere che per ottenerlo era necessario prima effettuare la prenotazione. “Il mio dottore ha detto che non ci sono abbastanza vaccini – racconta la signora Elma giunta in Duomo da Cesano Maderno -, perciò io e mio marito è una settimana che telefoniamo in giro per capire cosa fare. Ma nessuno ci ha ancora dato delle spiegazioni”.
“I primi giorni sono sempre i più difficili, ma questa struttura si rivelerà molto utile”, spiega il vicesindaco Anna Scavuzzo presente all’avvio della campagna vaccinale in piazza Duomo. “Dobbiamo rafforzare la comunicazione per evitare che le persone si presentino qui inutilmente, ma abbiamo già chiesto a Regione e Ats maggiori indicazioni per rispettare gli appuntamenti”. Quando la struttura gestita dalla Protezione civile sarà a pieno servizio dovrebbe riuscire a fornire almeno un centinaio di vaccini al giorno alla cittadinanza milanese.

Commenti FB
Articolo precedente“Fontana a.s…ino”. Nuova scritta ma con lettere mancanti
Articolo successivoVaccini, al centro militare di Baggio inaugurata l’area per bambini [Video]
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.