Coronavirus, Sala: confronto politico non sia tra chi a paura e chi no [VIDEO]

0
87

“La parola del giorno è paura perché si rischia di portare il dibattito politico a un confronto tra chi ha paura e chi non ha paura”. Così il sindaco Giuseppe Sala nel videomessagio ai cittadini dal suo ufficio a Palazzo Marino dedicato alla paura nei confronti del coronavirus prendendo spunto dalle parole del presidente degli Stati Uniti Donald Trump che, dopo essere stato curato dal covid-19, ha detto ai suoi concittadini che ‘non bisogna aver paura del virus’. “Lo dico con franchezza: ho paura del covid-19 ma non ho una paura paralizzante perché sono un uomo nato nel XX secolo e sono abituato ad affrontare razionalmente le difficoltà – ha proseguito Sala – ma è innegabile che ho paura e non mi permetterei e sognerei mai di dire ‘non bisogna avere paura’, anche penso che per il vaccino ci vorrà tempo ma soprattutto ci vorrà tempo per un vaccino che coprirà tutto e tutti. Nel frattempo, a mio giudizio, il miglior vaccino è interiorizzare le nostre paure, nel essere consapevoli e nel cercare di vivere perché, lo ripeto un’altra volta, anche questa è vita ed è una vita che merita di essere vissuta”. In merito alle parole el presidente degli Stati Uniti, Sala ha spiegato che: “Sono contento che Trump, di ritorno alla Casa Bianca, dica “non abbiate paura mi sento meglio di 20 anni fa. Ripartiamo dalle basi: la paura è un’emozione fondamentale per la nostra vita perché ci protegge e perché ci tiene al riparo da rischi ma è anche vero che noi abbiamo più o meno paura in funzione di quelle che percepiamo essere le nostre capacità, le nostre potenzialità e le nostre difese. È chiaro che se sei presidente degli Stati Uniti e hai ricevuto le migliori cure del mondo non puoi non pensare a decine di milioni di americani che non riescono nemmeno a varcare la soglia degli ospedali se non hanno una carta di credito in tasca: questo è il punto”.

PAURA #laparoladelgiorno

PAURA #laparoladelgiorno

Publiée par Beppe Sala sur Mercredi 7 octobre 2020

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteScoperta raffineria di droga, arrestati due trafficanti con 8kg di eroina
Articolo successivoMarco Carta assolto in appello dall’accusa di furto
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.