Omicidio di via Plana, fermato un 42enne incesurato

90

Un italiano 42enne sarebbe l’autore del brutale omicidio avvenuto nella prima mattina di lunedì 20 luglio in una palazzina di via Plana a Milano. Vittima una transessuale di nome “Emanuelle” – al secolo il 48enne brasiliano Emanuel Alves Rabacchi – che ha ricevuto oltre 80 coltellate. Sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona a portare i militari a individuare il 42enne: è proprio lui, infatti, l’ultima persona che viene ripresa mentre entra nello stabile verso le 6 del mattino. La visita durerà circa un’ora e mezza, lasso di tempo nel quale i due avrebbero presumibilmente consumato un rapporto sessuale e fatto uso di cocaina. Alla prima visita ne fa seguito una seconda, molto più breve per la durata, verso le 8 e in quel momento, secondo gli inquirenti, si è consumato  l’omicidio. L’uomo, poi, è uscito dall’appartamento portandosi via un mazzo di chiavi, lo smartphone della vittima e l’arma del delitto, lasciando anche accesi i fornelli del gas nel tentativo di causare un’esplosione in grado di nascondere il crimine appena commesso. Dalle immagini i militari sono riusciti ad individuare la macchina usata dal 42enne, intestata alla collega e attuale compagna dell’uomo rimasta sconvolta quando è stata informata dei fatti. L’uomo è stato posto in stato di fermo e si è avvalso della facoltà di non rispondere. All’interno dell’abitazione sono state ritrovate un paio di scarpe con sopra quelle che vengono ritenute presumibilmente macchie di sangue rappreso e lo stesso coltello utilizzato per uccidere Emanuelle. A mancare solamente un valido movente per un tale gesto. Una pista conduce a possibili debiti che l’uomo aveva contratto con la vittima nel corso di una lunga frequentazione che durava ormai da 4 anni, ma sembra più probabile che l’omicidio sia stato il frutto di un momentaneo raptus, dovuto forse anche allo stato di depressione nel quale l’uomo versava ormai da quasi un anno.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.