Truffe telefoniche, 11 indagati e la Gdf perquisisce la sede di Windtre a Rho

350

Bastava visitare una pagina web, a volte con l’inganno a causa di un banner pubblicitario, e senza far nulla ci si trovava abbonati a qualche servizio che settimanalmente o mensilmente scalava l’importo dal credito telefonico in cambio di dubbi servizi come l’oroscopo, gossip, meteo e altro. Un business illecito da milioni di euro ora al centro dell’inchiesta della Procura di Milano e che ha portato gli uomini del Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza a perquisire la sede di Windtre a Rho. La Procura ha inviato all’Agcom, l’autorità garante per le comunicazioni, una lettera in relazione alla posizione di Vodafone, Tim e un’altra società. A quanto sembrerebbe questa pratica illegale non si sarebbe fermata neanche durante il periodo di emergenza sanitaria.

Sono 11 al momento le persone indagate tra cui alcune con ruoli dirigenziali all’interno dell’operatore Windtre mentre sono 12 i milioni preventivamente sequestrati dai militari.

Print Friendly, PDF & Email