Tangenti su appalti metro, 12 arresti a Milano

151

12 arresti a Milano nell’ambito di un’inchiesta su presunte tangenti e appalti truccati. Tra gli arrestati,  Paolo Bellini, dirigente dell’Atm, responsabile degli ‘impianti di segnalamento e automazione’ delle linee metropolitane. Secondo le prime informazioni, nel mirino della Guardia di Finanza e della Procura ci sarebbero almeno 8 gare di appalti da 150 milioni di euro. Le accuse a vario titolo sono di associazione per delinquere, corruzione, turbativa d’asta, peculato, abuso d’ufficio. Trenta persone fisiche e otto società risultano indagate, tra cui Siemens Mobility, Alstom Ferroviaria, Ceit e Engineering Informatica. Tra gli arrestati, anche due manager di Alstom Ferroviaria e uno di Siemens Mobility. A Bellini vengono contestate presunte tangenti per 125mila euro tra il 2018 e il 2019. Tra i 13 arrestati (12 in carcere e uno ai domiciliari) ci sono oltre a Bellini, anche imprenditori e manager . Tra gli appalti al centro dell’inchiesta, uno sulla manutenzione di impianti di telecomunicazione della linea 5 della metropolitana milanese e quello sui sistemi di segnalazione automatica della Linea 2. Perquisizioni sono in corso anche in Atm. L’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Giovanni Polizzi ha portato all’ordinanza cautelare firmata dal gip Lorenza Pasquinelli.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.