Calcio, il Monza promosso in serie B

0
377
«Abbiamo dovuto aspettare 19 anni lunghissimi anni per poter provare un’emozione così forte. Per sentire il persistente sapore della felicità. Un periodo lungo che ha attraversato diverse stagioni sportive: i fallimenti, le retrocessioni in C2 e la Serie D. In 19 anni abbiamo versato tante lacrime. Oggi, però, siamo tornati in Serie B. Oggi è il tempo di urlare tutta la nostra gioia». Con queste parole il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore allo Sport Andrea Arbizzoni hanno accolto la decisione del Consiglio della Federcalcio che, oggi pomeriggio, ha ratificato la promozione nella Serie Cadetta dell’AC Monza.
Una promozione conquistata sul campo. «Il nostro primo pensiero – proseguono il Sindaco e l’Assessore – va ai tifosi e ai ragazzi della Curva “Davide Pieri” che non hanno mai, sottolineiamo mai, abbandonato la squadra, anche nei momenti più bui e nelle trasferte sui campi più improbabili. Il secondo va alla famiglia Colombo per aver rilevato la società dal fallimento e averla riportata nel calcio professionistico. Il terzo a Silvio Berlusconi e alla sua famiglia. Quando acquistò l’AC Monza il Presidente Berlusconi, con Adriano Galliani al suo fianco, ci aveva promesso che avrebbe riportato in città il grande calcio. Una promessa che, come al suo solito, ha mantenuto con una promozione che non è a tavolino, ma conquistata sul campo con 16 punti di vantaggio sulla seconda».
Un punto di riferimento per la comunità. «La dirigenza dell’AC Monza ha un altro importante merito, oltre quello sportivo, concludono Dario Allevi e Andrea Arbizzoni. Silvio Berlusconi è riuscito a portare in città un entusiasmo verso il Monza che non si vedeva dagli anni Ottanta. Una squadra di calcio può e deve diventare un vero e proprio punto di riferimento per una comunità. Soprattutto in un momento difficile come questo in cui la città ha dato grande prova di sé durante l’emergenza Covid, mettendo in campo un enorme “esercito del bene” formato da centinaia di volontari. Mai come adesso abbiamo bisogno di esempi positivi in grado di far ripartire con slancio il nostro territorio».
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl governatore Fontana e l’assessore Bolognini visitano e ringraziano “Banco Alimentare”
Articolo successivoCoronavirus, in Lombardia 32 decessi e 194 nuovi casi
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.