Dopo le app per prenotare il proprio posto in fila al supermercato, potrebbero arrivare anche quelle per prenotarsi nei parchi. Un’idea presentata al Comune di Milano, ma subito scartata a quanto pare poiché rappresenta secondo l’assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran “un sistema non pienamente inclusivo, difficilmente applicabile agli spazi pubblici e comunque non controllabile”. In vista della riapertura degli spazi verdi da lunedì, il Comune di Milano sta lavorando ad un sito “per informare i cittadini sulla saturazione dei parchi in tempo reale in modo che, prima di uscire, si sappia se son vuoti o già abbastanza pieni”. Milano conta 25 milioni di mq suddividisi in 1100 parchi e giardini e “ognuno deve fare la sua parte – spiega Maran – nell’interesse civico e con senso di responsabilità. Qualora questo non dovesse accadere, potremmo prevedere di chiudere puntualmente i parchi laddove si verifichino frequenti violazioni. Nel frattempo il Comune di Milano ha preparato dei cartelli per informare i cittadini sui principali comportamenti che si potranno attuare o meno nei parchi pubblici alla prossima riapertura il 4 maggio, come ad esempio il divieto di utilizzo delle aree giochi per i più piccoli. I cittadini inoltre potranno entrare nelle aree verdi se non affetti da sintomatologia da infezione respiratoria o febbre e se non sono soggetti a misure di quarantena. La camminata nelle aree verdi potrà avvenire ad un metro di distanza l’uno dagli altri, così come sedersi sulle panchine, mentre la corsa a due metri di distanza. Divieto a qualsiasi picnic, così come l’accesso alle aree sportive.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.