Tutto era iniziato nella notte tra il 30 e il 31 marzo, in una Bergamo in piena emergenza sanitaria. Alla base dell’alterco la gelosia, che porta Cristian Michele Locatelli, 42 anni, già noto alle forze dell’ordine per diverse rapine, a picchiare violentemente la compagna Viviana Caglioni, 34 anni. L’uomo insieme alla madre di lei, dopo un’ora passata a domandarsi cosa fare con la donna esanime a terra, chiamano il 112, spiegando che la trentaquattrenne si era ferita cadendo accidentalmente in casa. Viviana morirà qualche giorno dopo, il 6 aprile, all’ospedale Papa Giovanni XXIII per le ferite riportatate.
Le indagini si era da subito concentrate sul compagno considerato che le ferite non coincidevano con la dinamica riportata dal 42enne e dalla suocera. L’uomo, messo alle strette dagli inquirenti, ha ammesso di aver picchiato la donna con calci e pugni alla testa e all’inguine. Per lui sono scattate le manette. Indagata a piede libero anche la madre della vittima.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.