“Troviamo assurdo che nelle nuove direttive inviate ai medici e alle strutture sanitarie di Regione Lombardia non ci siano indicazioni precise, puntuali e chiare. Cosa significa che se qualcuno avvertisse sintomi Covid sarà sottoposto ad un isolamento domiciliare per un periodo tra i 14, o meglio, i 28 giorni, come scritto nel documento?
Perché Regione Lombardia scrive ai medici che non è previsto alcun test diagnostico per accertare la causa dei sintomi del malato e per monitorare il suo nucleo famigliare?
E’ ancora troppa e inaccettabile la confusione della Giunta che, dopo settimane, sembra non aver ancora imparato nulla dalla gestione di questa emergenza. Ai cittadini vanno date indicazioni chiare e serie, certe mancanze non sono più tollerabili”. Così dichiarano Elisabetta Strada e Niccolò Carretta, Consiglieri regionali Lombardi Civici Europeisti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.