Chiusura, da lunedì, di tutte le scuole dell’area metropolitana. E’ la proposta emersa in prefettura a Milano sull’emergenza Coronavirus. Il sindaco Giuseppe Sala ha spiegato che ne parlerà con il governatore Attilio Fontana a breve. Intanto è in corso una riunione di emergenza a Palazzo Marino per fare il punto sulle decisioni da prendere. “Non è che chiediamo ai cittadini di mettersi nei nostri panni, ma dobbiamo prendere decisioni non avendo contezza di uno scenario stabile. Chiudere le scuole è giusto o sbagliato? E’ un tema di sensibilità, io in questa situazione preferisco fare così”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala in prefettura.”Per contrastare il diffondersi del Coronavirus si valuterà il rinvio degli eventi rinviabili. Mentre le iniziative della settimana della moda saranno a discrezione degli organizzatori”, ha spiegato.

Riguardo alla situazione generale, Sala ha spiegato: “Questa epidemia sembra non particolarmente letale, ma si diffonde con una certa facilità. Che prima o poi dovesse arrivare ci stava anche, non e’ che il nostro governo sia stato fermo. Impreparati non siamo, ma nessuno di noi sa quale sarà l’evoluzione”.

Sesto San Giovanni

Il cittadino residente a Sesto San Giovanni ricoverato da una settimana all’ospedale San Raffaele di Milano è risultato positivo al coronavirus dopo la controprova sui campioni biologici. Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano ha già predisposto un’ordinanza per la città.
“Le scuole cittadine di ogni grado verranno chiuse da domani, fino a nuova disposizione. Annullati tutti gli eventi sportivi sul territorio di Sesto San Giovanni, le gite scolastiche in Italia e all’estero, gli eventi culturali e tutte le manifestazioni pubbliche. Chiuderemo anche le biblioteche e i centri anziani. Sospesi anche gli eventi legati al carnevale previsti per il prossimo fine settimana.

 

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.