Coronavirus, la chiusura totale alla Cina inizia a costare molto cara

392
virus coronavirus

Il clima recessivo provocato dall’emergenza coronavirus si estende dai mercati finanziari a quelli delle materie prime fino al commercio reale, mettendo a rischio l’export dei prodotti dell’agroalimentare lombardo verso la Cina, che nel 2019 ha raggiunto un valore di oltre 60 milioni di euro. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base delle proiezioni su dati Istat relativi ai primi 9 mesi del 2019. I vincoli ai trasporti per cercare di contenere il contagio – sottolinea la Coldiretti – si stanno riflettendo anche sulla logistica delle merci con incertezze e ritardi che impattano sugli scambi commerciali. A pesare – precisa la Coldiretti – sono anche i limiti agli spostamenti interni dei cittadini cinesi che cambiano le abitudini di consumo soprattutto fuori casa. Una situazione che impatta anche sull’export del Made in Italy agroalimentare nel suo complesso. A livello nazionale, secondo un’analisi Coldiretti sulla base delle proiezioni su dati Istat relativi ai primi dieci mesi del 2019, a rischio ci sono 460 milioni di euro di esportazioni di prodotti agroalimentari italiani in Cina. A pagare un conto salato rischia di essere in particolare il vino, che è il prodotto tricolore più esportato nel gigante asiatico, per un valore stimato dalla Coldiretti in 140 milioni di euro nel 2019. La Cina – sottolinea la Coldiretti – per effetto di una crescita ininterrotta della domanda è entrata nella lista dei cinque Paesi che consumano più vino nel mondo ma è in testa alla classifica se si considerano solo i rossi. A livello lombardo, il vino pesa per circa il 21% sul totale delle esportazioni agroalimentari nel Paese del Dragone, per un valore stimato nel 2019 di 14 milioni di euro. Intanto iniziano a piangere anche gli albergatori.  “L’impatto sarà importante, a febbraio, con i voli chiusi, avremo presenze cinesi pari a zero”Lo dice Alessandro Nucara direttore generale Federalberghi su Radio 24.“Ogni anno ci sono 5 milioni e 300mila presenze cinesi in Italia. Quest’anno saremmo arrivati a 6 milioni di notti dormite in alberghi. Questo blocco determinerà una frenata, le presenze di febbraio previste erano 400mila circa, avremo numeri pari a zero – aggiunge Nucara –  “Ci sono turisti cinesi che spendono fino a 2000 euro al giorno, c’è tutta la componente importante dello shopping, i cinesi in Italia vengono per comprare italiano”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.