Craxi, Caputo: nel ’92 mi disse, “noi verremo travolti” [VIDEO]

148

“Si era dimesso Pillitteri ed era diventato sindaco Borghini. Craxi mi chiese di candidarmi alle elezioni politiche ed io rifiutai. Lui si arrabbiò. Il mio rifiuto era legato alla mia condizione famigliare (avevo avuto in affido mio figlio), comprese questa cosa e mi abbracciò”. Lo ha detto Roberto Caputo in diretta a Radio Lombardia. Caputo, già assessore comunale col Psi e poi Presidente del Consiglio Provinciale ha ricordato l’incontro con il leader socialista che avvenne nel febbraio del ‘92.
“Craxi era molto pessimista, quello che succede mi sta preoccupando parecchio mi disse. Noi verremo travolti, ci arriverà addosso una marea tremenda. Dovremo reagire. Da chi? Gli chiesi. Gli americani mi faranno pagare Sigonella,- prosegue Caputo- gli altri saranno le forze economiche forti, la Fiat e poi c’è un settore della magistratura che è contro di noi. La sua sincerità mi colpì molto.” conclude l’ex socialista lombardiano.

https://www.facebook.com/radiolombardia/videos/532764397586262/

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteTangenti, 12 anni a Lady Sorriso
Articolo successivoOperaio cade da piattaforma alta 4 metri, è grave
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati