Con un furgone sfonda il cancello della caserma dei Carabinieri di Sesto dove si trova il figlio

269

L’intenzione era forse quella di farlo evadere dalla caserma dei carabinieri dove era recluso dopo essere stato arrestato per via di un decreto di espulsione risalente al 2019. Così, alle 2 della scorsa notte, la madre 51enne di un ragazzo bosniaco si è lanciata con un furgone contro la recinzione della caserma di via Luigi Pirandello. La donna, che si era presentata dai militari, insieme alla moglie e alla sorella del figlio 26enne, per consegnare vestiti e alcuni oggetti personali, prima ha fatto diverse segnalazioni luminose verso la struttura, poi ha accelerato andando a impattare con il furgone edile contro la recinzione. La donna è stata arrestata dagli uomini del Radiomobile per distruzione di opere militari. Un reato che prevede una pena fino a 8 anni di reclusione. La 51enne si trova ora reclusa presso il carcere di San Vittore, mentre il figlio è stato trasferito nella struttura detentiva di Monza. Inoltre, la polizia stradale ha anche sanzionato la donna per eccesso di velocità, danneggiamento a seguito di sinistro e il numero superiore ai limiti consentiti di persone a bordo. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteIl Bunga Bunga ha stancato, si torni a parlare di temi seri: lavoro e pensioni
Articolo successivoSmog, Milano anticipa a mercoledì le misure di secondo livello. Stop ai diesel Euro 4
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.