Ciclismo, il Premio Torriani festeggia la XXII edizione

94

Il Premio internazionale Vincenzo Torriani – ”Per chi ama il ciclismo e lo fa vivere” festeggia la sua XXII edizione. Lo riceveranno Auro Bulbarelli, a lungo la voce del ciclismo prima di assumere la direzione di Rai Sport; Faustino Coppi, un mito testimoniato con umiltà e signorilità; Letizia Paternoster, un omaggio al ciclismo femminile e alla grazia.

Il prestigioso riconoscimento, voluto dai familiari dell’ “Ultimo patron” con il patrocinio di Rcs Sport-La Gazzetta dello Sport, sarà consegnato alle  18.30 (oggi 12 ottobre) nella sede dello Yacht Club Como di viale Puecher. Il Premio Torriani consiste in una statuetta in bronzo raffigurante un corridore stilizzato, realizzata dallo scultore Domenico Greco su basamento di granito.

La cerimonia vedrà anche l’assegnazione del “Cuore d’Argento”, promosso dall’Associazione Emilio e Aldo De Martino, che premia ogni anno un innamorato del ciclismo: quest’anno andrà a Marino Vigna, oro olimpico a Roma, direttore sportivo di Merckx e grande suggeritore di Alfredo Martini durante i Mondiali su strada. Condurrà la serata Claudio Gregori, giornalista e scrittore.

Commenti FB
Articolo precedente“Assaggi di museo”, il sabato mattina al Pime
Articolo successivoStop ai cibi falsi, raccolte oltre 1 milione di firme
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.