Caianiello continua a parlare

116

Anche questo pomeriggio il pm Luigi Furno, tra i titolari dell’inchiesta della Dda milanese che lo scorso maggio aveva portato ad una serie di arresti per corruzione e finanziamenti illeciti alla politica, è tornato nuovamente nel carcere di Opera per sentire il presunto “burattinaio” di tutto il sistema di tangenti, nomine e appalti pilotati, ossia Gioacchino Caianiello, dimagrito di circa 20 chili dall’inizio della vicenda.

L’ex coordinatore varesino di Forza Italia dopo un primo silenzio iniziale nelle settimane successive all’arresto, avvenuto a maggio, ha nell’ultimo periodo deciso di cambiare rotta, collaborando attivamente alle indagini. Indagini che puntano, oltre a ricostruire tutto l’apparato, anche a capire che fine abbiano fatto i soldi della corruzione e quale meccanismo sia stato messo in atto per finanziare il mondo della politica. Si prevede che il maxi interrogatorio a Caianiello proseguirà per altre due settimane: un percorso il cui capolinea per l’ex politico azzurro potrebbe essere il patteggiamento.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.