Beni Confiscati, il Comune chiede quattro immobili

44

Il Comune intende inoltrare richiesta, attraverso una formale manifestazione di interesse, per l’acquisizione gratuita di quattro unità immobiliari confiscate alla criminalità organizzata. Si tratta di piccoli appartamenti, tra i 43 e i 47 metri quadrati, che si trovano tutti nel palazzo di via Lancetti 24. La richiesta verrà formalizzata all’Agenzia nazionale per l’Amministrazione e la destinazione dei beni confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata (Anbsc). L’utilizzo dei quattro appartamenti, qualora venissero conferiti all’Amministrazione, sarà vincolato ad usi sociali, come sempre in questi casi, tramite gestione diretta o assegnamento in concessione a titolo gratuito ad associazioni, fondazioni e cooperative del settore. “La prima valutazione che faremo – ipotizza l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – è verificare se hanno le caratteristiche adeguate per rispondere alle situazioni di emergenza, ovvero se possono essere destinati alle famiglie che a Milano hanno perso la casa per sfratto o pignoramento”. Ad oggi, le unità immobiliari confiscate e gestite dall’assessorato alle Politiche sociali e abitative sono 201, tra appartamenti, magazzini, box, laboratori, cantine e posti auto. Diciassette sono entrate già da tempo nel novero degli edifici del patrimonio di Edilizia residenziale pubblica e assegnate quindi a persone che avevano fatto domanda di casa popolare. Tutte le unità, comunque, sono già state restituite alla vita cittadina, diventando perlopiù sedi di accoglienza di nuclei familiari che, a vario titolo, si trovano in difficoltà, rispondendo in questo modo al loro bisogno abitativo sostenuto da un percorso di accompagnamento al reinserimento sociale.

Commenti FB
Articolo precedenteArea B, nuove telecamere ai varchi
Articolo successivoViolenza sessuale, 15enne aggredita in auto nel mantovano
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.