Ennesima giornata di disagi alla circolazione ferroviaria: Trenord ha cancellato 18 treni regionali per interventi di manutenzione straordinaria alle carrozze dotate di sistemi di condizionamento vecchi e obsoleti, messi alla prova dal grande caldo degli ultimi giorni. Condizioni “indegne per un paese civile” hanno affermato i pendolari lombardi riuniti in protesta davanti al Pirellone di Milano, sede del consiglio regionale della Lombardia, stufi di viaggiare in convogli simili a saune. Tra i manifestanti anche alcuni consiglieri regionali del M5s che hanno voluto ribadire come la manutenzione debba essere fatta a tempo debito e non a ridosso della stagione estiva. Una protesta, quella contro Trenord, che potrebbe sembrare rivolta anche all’attuale governo e alla gestione dei trasporti del ministro Toninelli, considerato che l’azienda appartiene per il 50% a FS. Tuttavia sempre i consiglieri in protesta hanno precisato “Il governo ha fatto tutto quello che doveva, la Lombardia si dia una mossa”. Claudia Maria Terzi, assessore regionale ai trasporti, ha chiarito come i treni non funzionanti siano un’eredità di Trenitalia e come si stia lavorando per garantire un servizio dignitoso per i viaggiatori; fino ad allora nessun aumento dei biglietti potrà essere imposto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.