Voleva compiere una strage sulla pista di Linate: Oussenyou Sy – l’autista che lo scorso 20 marzo ha tenuto in ostaggio 50 bambini, due insegnanti e una bidella a bordo di un autobus, dando fuoco al mezzo nella zona di San Donato Milanese – rischia una pena fino all’ergastolo. Il 47enne senegalese, interrogato ieri dai pm Alberto Nobili e Luca Poniz, è infatti accusato di strage aggravata da finalità terroristiche, sequestro di persona, incendio, resistenza e lesioni, queste ultime apportate con un coltello sia ai bambini in ostaggio che a 7 militari intervenuti per fermare il suo folle gesto. Dalle ricostruzioni l’uomo si sarebbe barricato all’interno del bus, oscurando i finestrini, legando i propri ostaggi e cospargendo il veicolo di benzina che precedentemente si era procurato. Non si può quindi sostenere l’idea dell’improvvisazione, ma anzi secondo l’accusa si tratterebbe di un gesto premeditato. A confermare l’ipotesi della premeditazione ci sarebbe anche un video “proclama” di quasi 40 minuti in cui Sy inneggerebbe al panafricanesimo, contestando le politiche europee e accusando di corruzione i governi. Il video, caricato dall’uomo su YouTube, non sarebbe più rintracciabile per rischio di emulazione, o al contrario di ritorsioni di odio. I pm inoltreranno nei prossimi giorni la richiesta di processo immediato per Sy.

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.