Ruby, nessuna evidenza di radioattività sugli organi di Fadil

185

Non è emersa alcuna evidenza macroscopica di radioattività dalle prime analisi sui campioni dei tessuti degli organi prelevati a Fadil, una delle testimoni del processo Ruby, morta in circostanze sospette lo scorso primo marzo, all’ospedale Humanitas di Rozzano. In base all’esito delle analisi -si apprende- appare “sempre più improbabile” che Fadil sia stata contaminata da sostanze radiottive. L’ultima parola però spetta al Centro ricerche Casaccia dell’Enea vicino a Roma. L’inchiesta della Procura di Milano prosegue con l’ipotesi di avvelenamento da metalli. E’ quanto è stato riferito dagli inquirenti dopo che i primi esiti dei prelievi di ieri hanno escluso tracce di radioattività. L’autopsia vera e propria verrà effettuata nei prossimi giorni, forse già sabato.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.