A Bussero (Mi) aspettano Auditorium e Palazzetto dello sport da 11 anni

0
515

A Pane al pane ci siamo occupati del centro polifunzionale di Bussero (Mi). L’opera pubblica è composta da due edifici: un Auditorium e un Palazzetto dello Sport appaltati nel 2008 e non ancora terminati. La spesa iniziale appaltata era di circa 3milioni di Euro oltre a 630mila Euro di Direzione Lavori, Sicurezza e Collaudi pagati direttamente dall’Amministrazione Comunale a tecnici incaricati dalla stessa. Dopo 10 anni dalla prima asegnazione del bando si è arrivati a spendere 5,6 milioni di Euro. L’ex sindaco di Bussero, Franco Colombo punta il dito non solo sui costi aumentati ma anche sulla gestione della struttura e sulla programmazione oltre al deficit sociale visto che la cittadina aspetta Auditorium e Palazzetto da oramai undici anni. ” La convinzione che ho maturato- ha spiegato Colombo- è che queste opere vanno fatte con persone del “campo” che devono esere coinvolte per delle attività che politicamente condividiamo, con la garanzia che quando parte un progetto parta con una finalità, con una progettualità e con una garanzia visto che il privato mette soldi suoi”.

In studio l’ex Sindaco di Bussero, Franco Colombo.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteStudio Uil: cala in Lombardia il ricorso alla cassa integrazione
Articolo successivoUna settimana dedicata al riso
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.