Giunta Regionale approva modifiche a regolamento Aler

0
229

La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini, ha approvato le modifiche al regolamento regionale che disciplina la programmazione dell’offerta abitativa pubblica e sociale e l’accesso e la permanenza nei Servizi abitativi pubblici (Sap). “Entriamo nella fase attuativa del nuovo regolamento – ha spiegato Bolognini – che, nelle domande, dà più peso ai periodi di residenza trascorsi in Regione e nei singoli Comuni e responsabilizza nelle assegnazioni le Aziende lombarde per l’edilizia residenziale (Aler). Un regolamento che si fonda sul mix sociale per dare maggiore sostenibilità al sistema abitativo pubblico, confermando la presenza delle Forze dell’Ordine tra gli assegnatari degli alloggi per garantire un gettito sicuro e favorire più sicurezza ai residenti, attribuendo ora alle Prefetture la gestione di queste graduatorie. Il regolamento, poi, introduce punteggi preferenziali a ‘categorie sociali’ come anziani, famiglie di nuova formazione e monoparentali, disabili e altre categorie di rilevanza sociale sulla base di bisogni presenti nei singoli Comuni”.
Tra le principali novità introdotte: la possibilità per i nuclei familiari indigenti di presentare domanda nel Comune dove svolgono l’attività lavorativa o in un terzo Comune a scelta, nell’ambito territoriale di riferimento, a condizione che siano Comuni con una popolazione superiore ai 5.000 abitanti, quando il Comune di residenza non dispone di alloggi adeguati al nucleo familiare; l’eliminazione delle graduatorie per singoli alloggi, sostituite da graduatorie uniche per Ente proprietario e riferite a ciascun territorio comunale, e ordinate in base alla gravità del bisogno abitativo, tenuto conto delle preferenze (massimo 5) espresse dai nuclei richiedenti al momento della presentazione della domanda di assegnazione; la sostituzione delle soglie percentuali con punteggi preferenziali per le categorie del mix abitativo (anziani, famiglie di nuova formazione, famiglie monoparentali, disabili, e altre categorie di particolare rilevanza sociale), al fine di velocizzare le procedure di assegnazione degli alloggi.

Prevista l’aggiunta del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco fra le Forze dell’Ordine che potranno accedere agli alloggi Erp l’assegnazione degli appartamenti verrà effettuata a partire dalla domanda in graduatoria dei nuclei familiari in condizione di indigenza con l’indicatore di bisogno abitativo più elevato, con priorità per i nuclei indigenti residenti nel Comune dove è ubicata l’unità abitativa richiesta e nel rispetto della soglia del 20% delle assegnazioni annuali in favore dei nuclei familiari indigenti stabilita dalla legge regionale 16/2016; l’introduzione di una clausola di salvaguardia che consentirà all’Ente proprietario di proporre ai nuclei familiari in posizione utile in graduatoria, alle Forze di polizia o ai Vigili del fuoco, le unità abitative non assegnate e quelle che si rendono disponibili a seguito di sgombero. “Il regolamento – ha chiarito Bolognini – favorirà anche le richieste di mobilità ad alloggio idoneo, ovvero privo di barriere architettoniche, da parte dei soggetti con gravi difficoltà motorie, sensoriali, o anche psichiche. Come pure abbiamo riconfigurato la situazione del genitore separato o divorziato, riconoscendola come condizione di disagio abitativo e non di disagio familiare, in quanto il disagio del richiedente consiste nel dover lasciare la casa coniugale dove vivono i figli e nell’avere un bisogno oggettivo di un nuovo alloggio dove abitare”

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteC’era una volta il consenso.
Articolo successivoMalattie cardiovocascolari e infarto killer numero uno per le donne
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.