Amazon, Landini: “Mole lavoro non può deciderlo un algoritmo” [VIDEO]

79

(MIANEWS) Milano, 26 FEB – “Non possiamo considerare Amazon come il futuro, il nuovo modo di vivere , se dietro c’è uno sfruttamento dei lavoratori che può essere evitato”. Così Maurizio Landini, segretario della Cgil, presente a Milano a sostegno dei driver Amazon che da questa mattina protestano in piazza XXV Aprile a poca distanza dalla sede del colosso tecnologico di Jeff Bezos. “Qui parliamo di persone che in 8 ore devo consegnare anche 150 pacchi. Evidentemente ci vogliono più persone, il che significa nuove assunzioni e le condizioni di lavoro vanno discusse e negoziate con i lavoratori. Non possono essere decise da un algoritmo”. I driver di Amazon che tutti i giorni consegnano i pacchi – sottolinea la Cgil – sono le uniche persone con cui i consumatori digitali entrano realmente in contatto, ma per sostenere l’enorme sistema di distribuzione delle merci vengono sottoposti a ritmi di lavoro estenuanti con la consegna di un numero di pacchi spesso doppio rispetto alle previsioni. “L’importante è consegnare tutto e velocemente e senza tenere in considerazione condizioni meteo, lunghezza dei tragitti, o traffico”, è la denuncia dei dipendenti che oggi hanno incrociato le braccia e che si rifiutano di riprendere a lavorare finché Amazon non vorrà sedersi al tavolo della trattativa.
“Io vorrei rivolgermi anche ai cittadini che usano Amazon – conclude Landini – e che dovrebbero chiedersi cosa c’è dietro la consegna di un pacco e in che condizioni lavora la persona che te lo ha portato”.

Landini a presidio lavoratori Amazon

AMAZON, LANDINI A PRESIDIO DRIVER: "MOLE LAVORO NON PUÒ DECIDERLO ALGORITMO"

Publiée par Radio Lombardia sur Mardi 26 février 2019

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.