Olimpiadi 2026, Sala: “Occorre comunicazione positiva”

0
100

“Il dossier è buono ma la nostra preoccupazione è che voteranno gli 87 membri del Cio e bisogna porre attenzione a ogni singolo membro per capire quelli che saranno i motivi che li porteranno a Milano Cortina o Stoccolma: motivi politici, motivi tecnici, motivi di relazione. Bisogna in questa fase presidiare questi 87 votanti.” Lo detto il sindaco Giuseppe Sala, a margine della conferenza stampa in Città Metropolitana sulla riqualificazione energetica delle scuole, commentando l’incontro avuto ieri con il presidente della Regione Lombardia Fontana e il presidente del Coni Giovanni Malagò. “Ieri ho sottolineato la necessità di andare verso una comunicazione positiva, – ha proseguito Sala – bisogna tutti comunicare nello stesso modo e ciò vale per il Governo, per noi, per il Coni: che il Governo non metta soldi è assodato ma è inutile ridirlo. Diciamo invece da oggi in poi perché il nostro progetto ha molto senso, questo è quello che va fatto” ha concluso il sindaco.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala su Olimpiadi 2026

Olimpiadi, Sala: "Comunicare messaggi positivi".

Publiée par Radio Lombardia sur Mardi 5 février 2019

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMinaccia i passanti armato di spranga, arrestato
Articolo successivoSabato 9 febbraio torna la Giornata di Raccolta del Farmaco [VIDEO]
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.