Si allunga,  la lista degli infortuni mortali avvenuti nei luoghi di lavoro in provincia di Bergamo. A pochi giorni dalla denuncia di quella che è stata definita “un’emergenza provinciale” da parte dei sindacati confederali che, venerdì davanti alla Prefettura,hanno svolto un presidio e hanno incontrato il Prefetto Elisabetta Margiacchi proprio sul tema della sicurezza sul lavoro, ieri è arrivata la notizia che è deceduto l’elettricista della ditta Elettrobonatese srl di Bonate Sopra che operava all’interno della Diesse Rubber Hoses Spa di Filago e che il 5 novembre scorso era rimasto coinvolto in un grave infortunio. Il lavoratore, che si chiamava Matteo Regazzi e aveva 38 anni, era stato investito da una bobina caduta da un carrello elevatore. Lo comunica in una nota la Cgil di Bergamo. Salgono, così, a 18 i morti sul lavoro dall’inizio del 2018 in provincia di Bergamo (o oltre i confini provinciali ma alle dipendenze di aziende bergamasche).

FILCTEM-CGIL e FEMCA-CISL hanno organizzato un’assemblea con i lavoratori della Diesse Rubber prevista per domani, 20 novembre, e valuteranno le azioni che saranno ritenute necessarie.

Commenti FB
Articolo precedenteUccise nonni e zia col tallio, assolto perchè incapace di intendere e volere
Articolo successivoA Milano il piano freddo per le persone in difficoltà
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.