La Guardia di Finanza di Luino, coordinata dalla Procura della Repubblica di Varese, ha scoperto una casa di cura e assistenza per anziani completamente abusiva in una lussuosa villa sulle sponde del Lago Maggiore. L’attività infatti non aveva nessuna autorizzazione
amministrativo-sanitaria e si svolgeva in assenza di personale medico e paramedico
specializzato.  I finanzieri, hanno riscontrato, oltre al responsabile della struttura abusiva, la presenza di altre due lavoratrici in nero: un’operatrice socio sanitaria, anch’essa indagata, ed una badante di nazionalità Ucraina, irregolare sul territorio italiano.

Anche le donne, prive di titoli abilitativi, si occupavano della gestione degli anziani, in parte non autosufficienti, somministrando farmaci senza alcuna prescrizione medica. La villa forniva ricovero ad una decina di anziani a fronte del pagamento di una retta mensile di € 2.000,00 a persona. Gli anziani, dopo l’intervento delle Fiamme Gialle, sono stati immediatamente affidati ai parenti o, nei casi più critici, collocati presso idonee strutture socio-sanitarie accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale.

Scoperta casa per anziani abusiva nel varesotto

Scoperta casa per anziani abusiva nel varesottohttps://www.radiolombardia.it/2018/11/05/scoperta-casa-per-anziani-abusiva-nel-varesotto/?fbclid=IwAR3VR08Q3JSoC0ZbmiIQ_1hbvX3aEWp3mZwIsHu6NvUnGxSgwvUM4sGdI2I

Publiée par Radio Lombardia sur Lundi 5 novembre 2018

Commenti FB
Articolo precedenteTre chili di cocaina in auto , arrestato a Como Brogeda (Video)
Articolo successivoC’era una volta il detto popolare
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.