Nessun picco preoccupante di inquinanti in atmosfera e soprattutto di diossine. Sono rassicuranti i dati presentati ieri pomeriggio (18 ottobre) alla stampa dall’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo, insieme al vice sindaco di Milano e assessore alla Sicurezza Anna Scavuzzo e all’assessore all’Ambiente e Mobilità di Milano Marco Granelli, sulle emissioni che fanno seguito all’incendio divampato domenica sera in via Chiasserini a Milano. All’incontro erano presenti anche i rappresentanti di Città Metropolitana, dell’Ats di Milano, dell’Arpa Lombardia, dei Vigili del Fuoco e della
Protezione civile comunale.

“Vogliamo che siano i dati a parlare – ha affermato l’assessore Raffaele Cattaneo –. Il primo è che le procedure, come ci hanno assicurato i Vigili del fuoco, si concluderanno entro le prossime 24, massimo 36 ore e comporteranno anche lo stop delle emissioni di fumo che in questi giorni hanno creato i maggiori disagi e preoccupazioni ai cittadini. Il secondo dato, che ci è arrivato oggi dall’Ats, è che non c’è stato in questi giorni
alcun accesso, nei Pronto soccorso del territorio, dovuto alle conseguenze dell’incendio o a cause riconducibili a patologie legate alle sostanze respirate”.  “Ma il dato più importante che abbiamo acquisito da Arpa nell’incontro di oggi – ha aggiunto Cattaneo – è che i primi
campionamenti sull’aria ci danno risultati tranquillizzanti”.

Arpa, da una prima rilevazione, ha riscontrato risultati di idrocarburi in linea con i valori di fondo e, per quanto riguarda le diossine, ha rilevato un valore di 0,5 picogrammi per metro cubo.
“Se confrontiamo questo valore con i valori registrati in incendi analoghi, il dato è particolarmente basso. Per esempio nel caso dell’incendio di Bruzzano del 24 luglio 2017 il dato era di 98 picogrammi, nel caso di Corte Olona del 3 gennaio di quest’anno il valore era 11,9 picogrammi – ha precisato Cattaneo -. Ci aspettiamo tuttavia, anche a causa del cambio delle condizioni atmosferiche, che il valore cresca leggermente, restando però largamente al di sotto dei valori citati per i casi analoghi e comunque inferiore a 10, e che nell’arco di un periodo di tempo che va da 2 a 4 giorni, i valori rientrino progressivamente nella normalità”.

I Vigili del Fuoco stanno lavorando perché le operazioni di spegnimento dei rifiuti incendiati nel magazzino di via Chiasserini possano concludersi entro oggi. Questo comporterà, tra oggi  e domani, la diminuzione e la definitiva scomparsa anche dei fumi che si sono levati in questi giorni su alcune aree della città.

Commenti FB
Articolo precedenteIncendio via Vittani, 9 persone ospitate in albergo
Articolo successivoColdplay, in uscita il 7 dicembre l’album live e il film concerto (VIDEO)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.