Fencing Mob, schermidori in Galleria a Milano

361

Una sessantina di schermidori di tutte le età e provenienti dalle sale d’armi di Milano e provincia, si sono riuniti nel pomeriggio di domenica 9 settembre in Galleria Vittorio Emanuele II, nel pieno centro di Milano, per dar vita  al Sorgenia Fencing Mob 2018 di Milano.

Il corteo, dopo aver animato con alcuni assalti simulati la centralissima Piazza del Duomo, si è spostato nella vicina Galleria Vittorio Emanuele e, da lì, l’ha percorsa per intero fino a piazza della Scala, con soste lungo il percorso per altri incontri dimostrativi. Per tutto l’arco del Flash Mob il pubblico ha assistito incuriosito alla sfilata e alla coreografia approntata per l’occasione. Ospite di eccezione il campione del Mondo a squadre di fioretto paralimpico Gabriele Leopizzi.

Il Fencing Mob è giunto alla sua quinta edizione. Si tratta di un flash mob mondiale, che coinvolge numerosi paesi e ancora più numerose città, e che ha come scopo quello di divulgare la cultura della scherma, il più vincente tra gli sport italiani, detentore del record di medaglie azzurre alle Olimpiadi. Da quest’anno, Sorgenia ha voluto legare il suo nome all’evento, dando continuità a un percorso cominciato già con la sponsorizzazione dei Campionati Italiani Assoluti di Scherma Sorgenia Milano 2018, tenutisi nel capoluogo lombardo all’inizio del giugno scorso.

 

 

Commenti FB
Articolo precedenteMeteo, colpo di coda dell’estate caldo come a luglio
Articolo successivoPolmonite a Brescia, 138 casi, si indaga su due morti
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.