Hanno preso il via (mercoledì 1 agosto), alla presenza del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e dall’assessore regionale ai Giovani e Sport, Martina
Cambiaghi, i lavori di demolizione dell’edificio Aler ‘F4’ di Lissone, noto come ‘ex stecca’. Una demolizione strutturale e controllata per non creare problemi agli edifici adiacenti.
Realizzata ad agosto per evitare disagi e pericoli agli alunni che frequentano la scuola vicina.

“Vogliamo essere concreti e immediati – ha detto Fontana che ha simbolicamente
avviato i lavori – e Aler e’ tra le nostre priorita’, quindi andremo avanti in questa direzione”.
“Quella odierna – aggiunge – e’ un’operazione particolarmente importante, un atto significativo perche’ dimostra che le cose sono cambiate e che il ripristino della legalita’ e’ possibile. Per questo ringrazio la caparbieta’ del nostro assessore Bolognini e anche il lavoro delle forze dell’ordine. Dei 52 alloggi fatiscenti, ormai inabilitabili e degradati, ne verranno realizzati 18 che finanzieremo ed entreranno a fare parte dell’offerta residenziale popolare, destinata al servizio abitativo pubblico”.
“Nella nostra visione – ha concluso – e’ prioritario migliorare l’aspetto edilizio qualificandolo, ammodernandolo e rendendolo tecnologicamente innovativo, ma non basta se non restituiamo ai quartieri la vivibilita’ necessaria. Da qui l’idea di unire in un unico Assessorato le deleghe alla Casa e alle Politiche sociali”.

Commenti FB
Articolo precedenteLake Como Film Night, registrate oltre 5000 presenze
Articolo successivoPiani di Bobbio, famiglia si perde nel bosco al buio e sotto un temporale
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati