Gianni Canova è il nuovo Rettore dell’Università Iulm

349

Il professor Gianni Canova è il nuovo Rettore Università IULM. Professore ordinario di Storia del cinema e Filmologia, già Prorettore Vicario e Preside della Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità, succede al Professor Mario Negri, alla guida dell’Università dal 2015.

Il Consiglio di Amministrazione si è riunito, mercoledì 25 luglio, per procedere all’elezione del Rettore sulla base della terna presentata e proposta dal Senato Accademico eleggendo all’unanimità il Professor Gianni Canova come Rettore dell’Università IULM per l’esennio 2018-2024.

Un’elezione, quella del Professor Canova, che garantisce un equilibrio fra innovazione e continuità nel governo dell’Ateneo. Negli ultimi anni, sotto la guida del Professor Negri, l’Università IULM è cresciuta sia in termini qualitativi che quantitativi, affermandosi come leader nella formazione legata alla comunicazione.

Il professor Canova – primo docente di cinema a diventare Rettore di un’Università  italiana – si propone di rafforzare questa crescita mettendo al centro dell’Università lo studente.

Per troppo tempo – dichiara Canova – l’Università italiana è stata governata e programmata in funzione dei professori, delle loro esigenze e delle loro carriere. È tempo che l’Università torni alla sua missione originaria: quella di formare la classe dirigente di cui il paese ha bisogno. Con una governance collettiva e con scelte che, mi auguro, sappiano essere coraggiosamente visionarie, farò tutto il possibile perché IULM diventi un modello virtuoso e innovativo nel sistema universitario italiano”.

 

Commenti FB
Articolo precedenteViolenza di gruppo nel bresciano, tre ragazzi arrestati
Articolo successivoLake Como Film Night a Cernobbio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati