Marco Cappato si è presentato dai carabinieri per autodenunciarsi. “Il mio obiettivo è portare lo Stato ad assumersi le proprie responsabilità” ha detto ai cronisti prima di entrare in una caserma dei carabinieri in centro a Milano per autodenunciarsi in relazione alla morte per suicidio assistito di dj Fabo, che l’esponente dei Radicali ha accompagnato in una struttura in Svizzera. “Entrerò e racconterò i fatti come sono andati”, ha aggiunto il tesoriere dell’ associazione Luca Coscioni. “Se ci sarà l’occasione di difendere davanti a un giudice quello che ho fatto, lo potrò fare in nome di principi costituzionali di libertà e responsabilità fondamentali che sono più forti di un codice penale scritto in epoca fascista”. Cappato ha chiarito, infatti, che nel codice penale “non si fa alcuna differenza tra l’aiuto a un malato che vuole interrompere la propria sofferenza e lo sbarazzarsi di una persona di cui ci si vuole liberare, mentre la Costituzione questa differenza la fa”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.