Un sistema di ricarica dedicato alle batterie delle bici elettriche attraverso pannelli fotovoltaici unico al mondo: il primo Charging Centre BikeMi è stato inaugurato oggi dal Comune di Milano e da Clear Channel.

Il centro, finanziato da Atm, si trova in via Privata Giovanni Calvino 6 (il numero civico è stato creato apposta per la stazione BikeMi), una strada laterale di via Messina (altezza dei numeri 50/52) vicino al Cimitero Monumentale. Gli operatori del Bike sharing diventano così ‘vicini di casa’ della Polizia locale, condividendo lo stabile che in via Messina 50 fa da Deposito Giudiziario per le autovetture.Bike Sharing inaugurazione

La nuova sede BikeMi, oltre alla ricarica delle bici elettriche, ha anche altre funzioni nella gestione del servizio: i locali sono stati attrezzati per il ricovero, la riparazione e la pulizia delle bici, sia tradizionali sia elettriche. Inoltre, la Sala Operativa ospita gli uffici del Centro di Controllo e l’area esterna è destinata ad accogliere i furgoni BikeMi che permettono lo smistamento dei mezzi tra le stazioni. La vicinanza della nuova sede al centro città permetterà agli operatori di ridurre i tempi di spostamento a beneficio dell’efficienza del servizio.

“Sempre più sostenibile ed efficiente il bike sharing milanese – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente -. Questo centro di ricarica a pannelli fotovoltaici rappresenta un’innovazione di cui siamo fieri. Un investimento che i milanesi meritano dopo che in un anno hanno percorso con le bici gialle o rosse del BikeMi più di 203 volte la circonferenza della Terra con un risparmio di oltre 1 milione e 600 mila chili di CO2. Grazie a Clear Channel e Atm per il loro impegno”.BIKE SHARING GRANELLI

Sullo stabile del Charging Center è stato installato un impianto fotovoltaico costituito da tre generatori dotati di circa 90 pannelli ciascuno per un totale di 280 pannelli da 75 kWp (kilowatt per picco) con una potenza nominale per modulo di 260 Wp che sta per Watt di picco ed esprime la potenza massima erogata da un modulo in condizioni ottimali. Le celle sono in Silicio Policristallino e si sviluppano su una superficie di 420 mq coprendo tutto il tetto della nuova sede operativa BikeMi. La realizzazione dell’impianto è stata possibile grazie anche ad un contributo di 165.000 euro erogato da Atm.

Le batterie scariche delle e-bike in circolazione vengono portate dagli operatori BikeMi presso il nuovo Charging Centre e ricaricate attraverso l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici. Tecnicamente questa operazione avviene tramite uno “scambio sul posto” o SSP, un meccanismo che permette ai produttori di energia da fonti rinnovabili, come il fotovoltaico, di utilizzare la rete nazionale come magazzino virtuale per l’energia prodotta e non immediatamente autoconsumata per riutilizzarla in un secondo momento. In questo modo le bici a pedalata assistita del Bike Sharing di Milano non vedono mai una spina di corrente.

Il Charging Centre si basa su un innovativo sistema che permette di ricaricare le batterie delle bici elettriche del Bike sharing a impatto zero per l’ambiente, attraverso l’energia solare, in una sorta di circolo virtuoso tra mobilità sostenibile ed energia rinnova.

Commenti FB
Articolo precedenteArrestato il Procuratore capo di Aosta
Articolo successivoAllarme siccità, vertice in Regione
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati