Sala indagato, le opposizioni chiedono le dimissioni

1031

Dopo la notizia dell’indagine su Beppe Sala per l’appalto della “piastra” di Expo, le opposizioni in Consiglio Comunale chiedono le dimissioni del sindaco di Milano. Il primo ad alzare i toni è Riccardo De Corato (FdI): “Il ragionamento è semplice – dice – Sala è sindaco perché è stato manager di Expo. Se Expo cade, cade anche lui. Stefano Parisi, ex candidato sindaco del centrodestra, per ora ha scelto di restare in silenzio. Prudente Maria Stella Gelmini (Fi) è prudente: “Siamo sempre garantisti, aspettiamo a esprimerci finché non ci sono i dettagli sulla sua posizione”. Chiede le dimissioni del sindaco invece Silvia Sardone, consigliere comunale azzurra: “La notizia dell’indagine a carico del sindaco Sala – commenta – dovrebbe far riflettere seriamente il primo cittadino e la maggioranza a Palazzo Marino. L’autosospensione annunciata da Sala è solamente un tentativo maldestro di prendere tempo con la conseguenza che la città rimarrà bloccata politicamente, in un momento in cui i problemi e i dossier aperti sono tantissimi”. Duro anche Matteo Salvini: “Mi stupisce che la notizia esca solo ora, con tutto quello che era emerso in questi mesi, il fatto che fosse stato l’unico a non essere sfiorato prima delle elezioni mi lascia dei dubbi che sia stato protetto da qualcuno”. Chiede le dimissioni del sindaco ed elezioni subito il Movimento Cinquestelle.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.