La Procura di Milano sta indagando per “sostituzione di persona” e “truffa informatica” su una presunta attività di ‘bagarinaggio’ online in relazione a trentamila biglietti del concerto di Bruce Springsteen che si è tenuto a San Siro lo scorso 3 luglio. Gli inquirenti, tra l’altro, stanno anche effettuando accertamenti sulla vendita in rete dei ticket per il concerto dei Coldplay in programma il prossimo luglio e per quelli di un’altra decina di gruppi e artisti. La notizia è stata pubblicata oggi nelle pagine milanesi di ‘la Repubblica’. Nel caso del concerto milanese del ‘Boss’, i ticket dai 97 euro di media sono arrivati a costare fino a 670 euro con le rivendite. Proprio a febbraio, nel primo giorno di apertura delle vendite online per Springsteen, erano stati acquistati circa 30mila biglietti. Nell’ambito dell’inchiesta per ora a carico di ignoti, coordinata dal pm Adriano Scudieri e condotta dal Nucleo di polizia tributaria della Gdf, il sospetto è che gli acquisti in massa siano stati effettuati violando le regole (una persona non può comprare più di quattro biglietti online) con falsi profili e falsi dati e forse anche da gruppi organizzati per portare avanti un business per milioni di euro. La Gdf ha già acquisito i dati di alcuni siti di vendita online. Lo scorso ottobre, intanto, anche l’Antitrust ha aperto un’istruttoria sul fenomeno del ‘secondary ticketing’ e su alcuni operatori che fanno compravendite di biglietti di concerti sul web.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.