Caprotti, oggi il funerale. Esselunga chiuse per lutto

729

Supermercati Esselunga chiusi e listati a lutto per i funerali di Bernardo Caprotti, il fondatore della catena. La cerimonia a Milano in forma strettamente privata. Dunque questa mattina le saracinesche di tutti i 152 punti vendita resteranno abbassate. Poi, in settimana, si aprirà la partita della successione dell’impero con un fatturato da 7,3 miliardi di euro e 21.930 dipendenti. L’apertura del testamento dovrebbe avvenire giovedì. Il 50% dei beni di Caprotti, per effetto della “legittima”, saranno divisi tra i tre figli. Per il resto si vedrà come il patron di Esselunga ha deciso di dividere i suoi beni. Non ci dovrebbero essere sorprese per quanto riguarda la continuità aziendale visto che da diversi anni i supermercati sono nelle mani dell’amministratore delegato Carlo Salza e del presidente Vincenzo Mariconda. Ancora in sospeso invece la vendita del gruppo, per la quale Caprotti in persona aveva dato l’incarico della ricerca di un compratore alla banca americana Citigroup.

Print Friendly, PDF & Email