Arabella Caporello nuova direttore generale del Comune di Milano

4637

La dottoressa Arabella Caporello sarà il nuovo Direttore generale di Palazzo Marino. Il Sindaco di Milano  Giuseppe Sala l’ha individuata tra le 79 candidature arrivate per ricoprire l’importante incarico.

Arabella Caporello, prima donna a essere nominata city manager nella nostra città, subentrerà all’ingegner Giuseppe Tomarchio, cui va il ringraziamento del Sindaco per il proficuo lavoro svolto.

Quarantatré anni, marchigiana d’origine ma a Milano dal 1991, dove ha conseguito la laurea in Economia, Arabella Caporello ha lavorato nel settore del Private Equity, prima nel fondo Advent International poi in Investindustrial, contribuendo così alla gestione di importanti aziende italiane e internazionali.

Tra il 2012 e il 2014, Caporello ha svolto il ruolo di assistente esecutivo al Consiglio di gestione della Banca Popolare di Milano. In questi anni ha acquisito una significativa esperienza di strategie d’impresa, finanza strutturata, riorganizzazione e sviluppo di società di medie e grandi dimensioni e di mercati dei capitali.

Da maggio 2016 è  anche membro del Consiglio di Amministrazione di Sea Spa.

Commenti FB
Articolo precedenteCantina La Versa, un arresto e 4 indagati per bancarotta e riciclaggio
Articolo successivoLombardia, avviso di criticità per forti temporali
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati