Rifugiati. Alfano, Milano merita nostra gratitudine

0
803

“Siamo consapevoli delle fatiche che Milano sta compiendo e siamo grati alla comunità ambrosiana per lo spirito solidale con cui ha gestito la vicenda dei profughi che affaticano Milano, non solo per il numero stanziale e che è sostenibile, quanto per il flusso di chi va là non volendo restare a Milano ma perché intenderebbe cambiare paese, cosa ormai davvero complessa da realizzare”.  Lo ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, intervenendo al question time alla Camera.

Alfano ha riconosciuto che la condizione dei minori non accompagnati “trova a Milano una risposta seria e articolata” e ha precisato che il loro numero non è affatto quadruplicato, come scritto su alcuni giornali, ma che è “aumentato di poco meno del 10% tra il 2014 e il 2015”.  “Milano – ha concluso Alfano – merita la nostra gratitudine e non sarà mai lasciata sola”.

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleScontro ferroviario in Puglia, anche un pavese tra le vittime
Next article“Sinfonia BLACK SABBATH” in Teatro a Verona con Whitfield Crane degli UGLY KID JOE
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.