Grazie alle segnalazioni dei frequentatori di “Cascina Rossino”, area boschiva della zona, i Carabinieri della Compagnia di Vimercate hanno arrestato, nel corso di un movimentato intervento, due spacciatori che, sfruttando a loro vantaggio gli innumerevoli anfratti del luogo, detenevano una pistola 357 “magnum” con matricola abrasa, oltre 60 grammi tra eroina e cocaina, materiale per il confezionamento e 1200 euro.

Gli arrestati, entrambi di origine marocchina di 24 e 31 anni, pregiudicati e senza fissa dimora, erano particolarmente attenti e cambiavano spesso l’“imbosco” per impedirne la localizzazione da parte dei Carabinieri che però non hanno desistito fino a quando, nella tarda serata di ieri sono riusciti a localizzare il deposito dei malfattori. All’atto dell’intervento, particolarmente delicato per la presenza di un’arma da fuoco dall’elevata potenzialità offensiva, i due spacciatori hanno tentato la fuga ma sono stati raggiunti e bloccati nonostante l’opposizione di una forte resistenza. Successivamente, una volta in caserma, approfondendo gli accertamenti sui fermati è emerso che il 31enne aveva un passaporto, una patente di guida ed un permesso di soggiorno falsi e che collegato alle sue reali generalità vi era un provvedimento definitivo di pena per 11 anni e 3 mesi per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.