Willy William ospite internazionale del Festival di Sanremo

0
3874

Willy William sarà ospite internazionale alla 66° edizione del Festival di Sanremo. William si esibirà con la sua hit “Ego”, appena certificata disco d’oro in Italia.
“Ego” vanta già molti primati: è il singolo in lingua francese più cercato Shazam nel mondo, oltre 40 milioni di visualizzazioni del video di cui 6 solo in un mese in Italia, tra le 30 canzoni più suonate sulle radio italiane in questo momento, Top 20 nella classifica ufficiale di vendita e streaming , e ora ufficialmente disco d’oro per la vendita combinata download e streaming superiore ai 25.000 download/play.
Il suo allez allez allez è già diventato un tormentone e il video un fenomeno virale dove partecipa anche il calciatore francese Djibril Cissé .
Willy William è un dj e produttore francese, famoso per i suoi remix e collaborazioni: in Francia vanta dischi d’oro e di platino, oltre a un NRJ DJ Award.
Willy William canterà “Ego” per la prima volta in Italia. Dopo l’esibizione sul palco dell’Ariston presenterà il suo primo album e tornerà in Italia il 12 marzo al Fabrique di Milano per l’attesissimo Ego Future Live.

“Ego” – video ufficiale

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDov’è Paolo Rindi? Appello della madre
Articolo successivoWeek end di San Valentino con la pioggia
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.