Odio razziale e istigazione alla Shoah, un arresto a Milano

Arrestato un 29enne italiano, di origini egiziane, accusato di propaganda e istigazione a delinquere finalizzate all'odio razziale e religioso, aggravate dall'apologia della Shoah. La polizia ha effettuato anche 4 perquisizioni.

0
79

La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura di Milano, ha arrestato un italiano di origini egiziane di 29 anni accusato di propaganda e istigazione a delinquere finalizzate all’odio razziale e religioso, aggravate dall’apologia della Shoah. La polizia ha effettuato anche quattro perquisizioni nei confronti di persone che avevano sostenuto e incitato le sue idee sul web.
L’indagine è stata condotta dai poliziotti della Sezione Antiterrorismo Internazionale della Digos del capoluogo lombardo e dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione. Parte dalla scoperta che un navigatore del web residente nel milanese, il giorno dopo i fatti del 7 ottobre, aveva diffuso online “esternazioni di chiara matrice antisemita ed apologetiche delle azioni terroristiche di Hamas” e si era dichiarato in procinto di intraprendere il jihad e raggiungere il martirio combattendo. Una delle quattro perquisizioni è stata eseguita nei confronti di un uomo già noto alle autorità italiane per la vicinanza agli ambienti dell’estrema destra milanese ed è stata effettuata in Svizzera da una pattuglia mista italo-elvetica, in stretta collaborazione con la Procura Federale di Berna. Oltre alla pubblicazione sul suo profilo di numerose foto che lo immortalavano in costante allenamento fisico per prepararsi all’impegno bellico, l‘arrestato aveva effettuato ricerche sul web sui voli disponibili per raggiungere i teatri di guerra mediorientali – spiega la Questura di Milano -. Dall’attività investigativa è emerso che il giovane aveva avviato chat WhatsApp e Instagram “con numerose persone che gli parevano attestate sulle stesse posizioni radicali e nelle quali ha manifestato aperto sostegno alle azioni di Hamas palesando al contempo un odio ossessivo verso lo Stato e il popolo ebraico”. Il 29enne nel commentare “con esternazioni discriminatorie e sessiste la tragica vicenda dello stupro, tortura e uccisione di una ragazza al rave musicale del 7 ottobre 2023, si era schierato pubblicamente in difesa di Hamas”.
Perquisiti il padre del giovane e altre tre persone, tra cui l’estremista di destra, che hanno sostenuto e incitato le sue esternazioni sui social.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.