La triste storia comica dell’ex Fiat

0
54

Di Fabio Massa

La storia avrebbe del paranormale e invece è verissima. Adolfo Urso, il ministro per il Made in Italy, incontra quei grandissimi geni di Stellantis, che poi è l’ex Fiat. Stellantis dalla Fiat ha preso un bell’andazzo: chiedere sempre aiuti pubblici. Come si diceva negli anni ’70: privatizzazione degli utili e collettivizzazione delle perdite. E vabbè, fin qui scema la politica che fino ad oggi glielo ha consentito. Ma la cosa più incredibile è che si siedono a un tavolo e semplicemente da una parte è seduto il ministro, e dunque lo Stato Italiano, dall’altra i sindacati e dall’altra… manca l’amministratore delegato. Cioè Stellantis, di fronte a un ministro, non fa sedere il suo ad, ma altri dirigenti. E già questo la dice lunga. C’è poi la questione più importante. Il ministro chiede di produrre in Italia 200mila automobili. Perché? Perché è un fan delle quattro ruote? No, perché questo vorrebbe dire garantire l’occupazione. E che cosa fa Stellantis, che come Fiat ha mangiato per anni e anni sul mercato italiano, con il supporto dello Stato italiano, con le casse integrazioni pagate dallo Stato italiano, con i prestiti garantiti dallo Stato Italiano? Che cosa fa Stellantis? Chiede più aiuti in cambio dei posti di lavoro. Chiede aiuti da parte del Governo. Sempre la solita storia. Una storia triste, che farebbe ridere se non facesse piangere.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.