Le priorità di Milano: le voragini nelle strade? No, la rimozione dei ‘lockbox’ dei B&B

Un consigliere comunale del Pd, Michele Albiani, chiede che Palazzo Marino ordini la 'rimozione coatta' dei lockbox (le cassettine con le chiavi degli appartamenti in affitto breve). Non sarebbe meglio pensare alla sistemazione dei 'potholes', (buche stradali, per restare sugli inglesismi) spuntati ovunque dopo qualche giorno di pioggia?

216

Le priorità di una metropoli, quelle vere e urgenti: le voragini che si sono aperte ovunque nelle strade dopo le ultime piogge? A proposito, ma è asfalto o pasta frolla? No. Le priorità a volte sembrano essere altre.

Da Il Giorno – Cronaca di Milano del 29 febbraio

Per esempio la “rimozione coatta” dei “lockbox” dei B&B “perché usano spazio pubblico senza autorizzazione” oltretutto “a scapito del decoro cittadino”. Lo chiede un consigliere comunale milanese del Pd, Michele Albiani, presidente della Commissione Sicurezza.  “I lockbox sono piccole cassette di sicurezza, contenenti le chiavi di strutture affittate su piattaforme come Airbnb, apribili analogicamente o digitalmente con un codice – spiega Albiani – queste cassette hanno il più delle volte la forma di un grosso lucchetto e vengono appesi a cancelli, segnaletiche verticali, panchine e altre strutture su suolo pubblico, nei pressi dell’immobile che ospita la struttura.” spiega Michele Albiani, presidente della commissione Sicurezza.

Un lockbox

“L’utilizzo dello spazio pubblico risulta essere privo di autorizzazione o richieste di occupazione, men che meno dietro il pagamento di qualche tributo, portando così un vantaggio economico a pochi privati, a scapito del decoro cittadino e del bene comune. Un vero e proprio abuso.” “Per questo ho depositato una mozione che impegni il sindaco e la giunta a disporre la rimozione immediata di questi lockbox. Questa è una soluzione nell’immediato, ma siamo già al lavoro per vietarne l’utilizzo attraverso strumenti strutturali.” annuncia poi Albiani. Togliamo subito i lockbox poi magari pensiamo alla “rimozione coatta” dei potholes (buche stradali).

Print Friendly, PDF & Email