Invia 100mila messaggi alla ragazza che vuole sposare, espulso

L'uomo, un egiziano di 35 anni, era già stato condannato a tre anni di reclusione per atti persecutori ai danni di una ragazza che aveva scelto come sposa, nonostante non avesse con lei nessuna relazione sentimentale.

47

Gli agenti della Questura di Milano hanno eseguito un provvedimento di espulsione emesso dal ministro dell’Interno, per motivi di ordine pubblico, nei confronti di un egiziano di 35 anni a cui era stato rigettato il permesso di soggiorno per pericolosità sociale ed era stato condannato a tre anni di reclusione per atti persecutori ai danni di una ragazza italiana che aveva scelto come sposa, nonostante non avesse con lei nessuna relazione sentimentale.
Il 35enne aveva violato numerose volte il provvedimento di divieto di avvicinamento alla persona offesa, emesso dall’Autorità giudiziaria. I suoi comportamenti, protratti per molti anni e particolarmente aggressivi, avevano avuto inizio nel 2017. Oltre a telefonare continuamente e a inviare più di 100.000 messaggi alla ragazza e alla sua famiglia, si era presentato nei luoghi frequentati dalla giovane, inseguendola e, in un’occasione, era entrato nel suo palazzo, bloccando la porta dell’ascensore, per “sistemare la situazione” e celebrare il matrimonio.
Le vessazioni hanno riguardato non solo la ragazza, ma anche la sua famiglia, i condomini ed in generale le persone che di volta in volta, a suo dire, si sono frapposte ai suoi obiettivi.

Print Friendly, PDF & Email