Ruba in una casa insieme al fratello dodicenne, arrestato

I carabinieri sono intervenuti a Oreno di Vimercate (Mb) per un furto in una villa: in azione due giovanissimi fratelli. Il più grande, di 16 anni, è stato arrestato e portato in una comunità. Il più piccolo, di 12 anni, che faceva da palo, non essendo imputabile è stato riaffidato ai genitori.

0
70

Due giovanissimi fratelli hanno tentato il furto in un’abitazione: il più grande, 16 anni, è stato arrestato dai carabinieri. Il fratellino, di soli 12 anni, non essendo imputabile è stato riaffidato ai genitori. E’ successo sabato scorso nel pomeriggio, alla frazione Oreno di Vimercate, in Brianza. Il proprietario di casa, un 63enne, poco dopo essere uscito dalla sua abitazione è tornato indietro perchè è scasttato l’allarme collegato alla propria utenza telefonica.  Fuori da casa, ha subito notato la presenza di un  ragazzo seduto. Insospettitosi che qualcuno poteva essere entrato all’interno, ha effettuato un veloce giro di ispezione esterno ed all’improvviso ha sentito urlare il ragazzo che poco prima aveva visto davanti casa. Giunto sul retro della villa, ha notato che il cancelletto era aperto e che la persiana della finestra della cucina risultava forzata in più punti,  la luce del salotto era accesa. In casa c’era un ragazzo che, sentite le grida del “palo”,  è uscito velocemente dall’abitazione. Raggiunto il complice, i due sono scappati per le campagne limitrofe in direzione del parco della Cavallera. L’uomo li ha inseguiti in auto e nel frattempo ha chiamato il 112 facendo una descrizione precisa dei due ladruncoli. Sul posto sono arrivati i carabinieri che sono riusciti a rintracciare e fermare i due giovani.  L’immediata perquisizione personale ha permesso di trovare all’interno di uno zaino un paio di occhiali ed una penna di un noto marchio di lusso, insieme ad attrezzi da scasso. Il proprietario di casa nel frattempo si è recato in cittadina per formalizzare la denuncia e ha riconosciuto  i due ragazzi. Ha ricevuto   indietro la refurtiva del valore di circa 500 euro.
Una volta accompagnati i due adolescenti in caserma, al termine degli accertamenti è risultato che i due, fratelli di 16 e 12 anni residenti in un comune confinante della provincia di Milano, erano rispettivamente il più grande colui che si era introdotto nell’abitazione, mentre il più piccolo quello che faceva da palo all’esterno.
Ricostruito l’accaduto, il 16enne è stato dichiarato in stato di arresto per furto aggravato in concorso ed accompagnato presso il centro di prima accoglienza minorile di Milano, mentre il fratello  non imputabile è stato  riaffidato ai genitori.
Il  Gip, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto per il 16enne la misura cautelare del collocamento in comunità. Il ragazzo, incensurato, era già noto ai carabinieri perchè lo scorso mese di agosto presso un centro commerciale era stato vittima di un’aggressione con coltello, finendo in ospedale in pericolo di vita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.