Per Pasqua e 25 aprile in viaggio 16 milioni di italiani

Le località di mare sono le più ambite (22%) seguite da città d'arte e borghi (assieme 28%) per una spesa complessiva attorno ai 4 miliardi di euro.

0
90
Milano - Stazione Centrale, folla di persone in partenza o in arrivo per le vacanze di pasqua il venerdì santo (Milano - 2023-04-07, MARCO PASSARO)

Folla, venerdì, alla stazione Centrale di Milano per le partenze di Pasqua. Oltre 16 milioni gli italiani che hanno deciso di mettersi in viaggio per questo fine settimana e per il ponte del 25 aprile. Senza contare 2,5 milioni di indecisi, saranno almeno 8 milioni i vacanzieri pasquali, di cui il 60% farà 2 notti fuori casa, ma uno su dieci “si allungherà” anche per tutta la settimana. Destinazioni all’interno della propria regione per uno su due mentre, della restante metà, 8 viaggeranno altrove ma sempre in Italia e 2 verso l’estero. Le località di mare sono le più ambite (22%) seguite da città d’arte e borghi (assieme 28%) per una spesa complessiva attorno ai 4 miliardi di euro. Sono le previsioni dell’Osservatorio sul Turismo di Confcommercio di Swg. La Pasqua 2023, anche con il freddo e in alcuni casi la pioggia, certifica il potere trainante delle città d’arte per il turismo italiano e il fascino delle mete culturali del Belpaese per i visitatori stranieri. Non solo Roma, Firenze, Venezia, Milano ma anche Napoli, Palermo, Torino, Pisa, Bologna, Ferrara, Pompei. E come dimenticare Bergamo e Brescia, Pesaro e Agrigento, capitali della Cultura 2023, 2024 e 2025, e tutte le altre. Secondo un’indagine realizzata per Pasqua 2023 da Cst Centro studi turistici per Assoturismo Confesercenti saranno infatti oltre 1,7 milioni le presenze nei centri del turismo culturale, con un incremento di circa 190 mila pernottamenti rispetto alla Pasqua 2022. Sono previste almeno 780mila presenze di turisti italiani e ben 980 mila di turisti internazionali (il 56% del totale). Le città d’arte sono solitamente le mete preferite dai viaggiatori durante le festività pasquali, così come per i ponti di primavera, e anche quest’anno faranno il pieno di visitatori che affolleranno centri storici, musei, aree archeologiche, mostre, ristoranti e locali. Nel dettaglio, per Pasqua il movimento turistico in città e centri d’arte registrerà il +12% di presenze rispetto al 2022 e la saturazione media delle strutture ricettive è prevista all’80% della disponibilità. Secondo le stime di Cst per Assoturismo, sono in aumento i turisti statunitensi, francesi, britannici, spagnoli, austriaci, olandesi, polacchi e svizzeri, mentre vengono rilevate la lenta ripresa di alcuni mercati extraeuropei (come Cina, Giappone, Australia, Corea del Sud, India, Brasile, Canada) e l’assenza dei russi.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.